Glossario Teatrale

 

D

 

Datore luci 
Oggi chiamato anche Light designer. È un tecnico fortemente specializzato che lavora in sintonia con il regista contribuendo a creare il segno visivo di uno spettacolo. Un tempo le luci venivano tutte fatte a mano; oggi, invece, si lavora molto con il computer. Alle dirette dipendenze del datore luci o light designer ci sono dei tecnici che nella cabina luci seguono ogni replica dello spettacolo garantendo il rispetto di tutte le istruzioni, intensità e posizionamento delle luci riportate sul copione. 

Debutto 
È il giorno in cui uno spettacolo viene presentato per la prima volta davanti al pubblico. Si chiama anche debutto ogni prima replica in una nuova piazza o città. Nel linguaggio teatrale si dice che una compagnia fa un numero di "debutti" commisurato al numero di piazze che visita. Ovviamente il termine debutto significa anche la prima volta di un attore di fronte a un pubblico. 

Decentramento 
Vuol dire portare il teatro ai quartieri, alle zone decentrate, lontane dal centro storico della città. Il Piccolo Teatro "inventa" negli anni Sessanta il decentramento in base a una vera e propria strategia culturale: non portare semplicemente degli spettacoli fuori dalla casa madre, ma creare nelle zone presecelte il tessuto connettivo di questa esperienza. Per il Piccolo, decentramento ha voluto dire i teatri quartiere, spesso tendoni da circo posti in mezzo alle case, in zone talvolta difficili anche per la disgregazione del tessuto sociale. 

Diaria 
Quanto riceve un attore oltre il suo compenso per il mantenimento giornaliero durante la tournée. 

Direttore di sala 
Il responsabile del buon andamento della sala teatrale. Da lui dipendono per esempio, le cassiere, le maschere, il bar, il guardaroba, ecc. 

Direttore di scena 
Responsabile del palcoscenico, del suo funzionamento e dei tecnici che ci lavorano. È anche colui che dà agli attori il "tempo" della loro entrata in scena. 

Drammaturgo 
Chi scrive testi per il teatro. Nei paesi di lingua tedesca il drammaturgo ha anche il compito di consulente culturale di un teatro e, in questo senso, affianca il lavoro del regista.


 
    Indice GLOSSARIO Teatrale
Vi proponiamo un mini glossario teatrale, cercando di esporre in modo fruibile il significato dei principali termini teatrali.

A B C D E F G H I L

M N O P Q R S T U V Z

Definizione di Quarta Parete

Sono tante le definizioni di Quarta Parete, in ambito teatrale.

Ne riportiamo una classica, da dizionario teatrale ed una piuttosto critica nei confronti della massificazione culturale, tipica dei nostri tempi.

"La Quarta Parete è un "muro" immaginario, posto di fronte al palco di un teatro, attraverso il quale il pubblico osserva l'azione che si svolge nel mondo dell'opera rappresentata. Anche se l'origine del termine non può essere confermata, viene in generale presunto che sia nato nel XX secolo, con l'avvento del realismo teatrale".

"In teatro la Quarta Parete è un assunto erroneo, una falsa asserzione. La Quarta Parete , è la televisione, la radio, i giornali, le riviste, i dischi. La Quarta Parete è proprio lì. E si tratta di un'autentica Quarta Parete, importante come la bomba atomica, di una Quarta Parete istituzionalizzata, sistemizzata, governizzata. Il teatro, invece, è l'esatto contrario".

Peter Schumann

 
Gruppo Teatrale Quarta Parete | Via Confalonieri, 15 | 29121 Piacenza | 0523.336944 347.7246738
qp87@quartapareteatro.it creative commons Credits and Disclaimer